E poi Eva, ogni tanto, ancora piange, di nascosto.

Piange in silenzio.

Da quando ha capito  che il peccato non fu mordere la mela.

Ma l’aver creduto perdutamente che ne valesse la pena.

Annunci