Avevo scritto questo sulla mia pag fb in quell’emozionate 23 luglio scorso…

“Solidarietà, pazienza, tenacia ma soprattutto tantissima competenza, tutte italiane, nonostante le generose collaborazioni internazionali…e quel relitto piegato dagli eventi sta navigando di nuovo…
C’è molto da imparare da questa tragica vicenda e invece di continuare a guardare le immagini dei saloni, dei tavoli da gioco rovesciati o delle suppellettili in disordine all’interno della nave, come se guardassimo un reality show, noi italiani tutti, che continuiamo a lamentarci per il nostro ‘bel paese’ anch’esso piegato su un fianco e semi affondato, dovremmo farci un profondo esame di coscienza e responsabilizzarci per rendere più efficaci le nostre competenze, in modo da contribuire seriamente a ‘risollevarlo’…
Ma come abbiamo visto bene oggi, servono in primis tanta tenacia e pazienza e soprattutto quella solidarietà genuina scomparsa ormai in gran parte della nostra società e che a volte e’ introvabile persino all’interno delle proprie famiglie…
Cosi, purtroppo, l’unica verità che ci accomuna e ci rappresenta nel mondo, oltre al ‘male al fianco’ ormai quasi cronico, e’ comportarci ogni giorno di più come il capitano Schettino”

…ed oggi, continuando a seguire i lavori, sono ancora convinta che sia stato il miglior esempio di ‘vita e civiltà’ da dare agli italiani…;-)

http://genova.repubblica.it/cronaca/2014/10/29/foto/concordia-99286299/1/?ref=fbpr

Annunci