Tag

, , , , , ,

Quello che sta accadendo nel mondo in questo momento è molto inquietante e contraddittorio. Se da una parte c’è un ‘angelo’ di Papa lungimirante, attento e coerente sul concetto di ‘amore e fratellanza universali, dall’altra quel ‘demonio’ violento del Is (o chi per lui dietro false spoglie), minaccia, addirittura, non solo la pace ma persino la futura discendenza religiosa e culturale di gran parte del nostro pianeta.

Argomento delicatissimo di cui parlare a scuola sicuramente ma far finta di niente mi sembra eccessivo. Questa settimana, iniziata con le ormai note minacce di conquista dall’impero di Roma’ da parte del gruppo islamico terrorista che conosciamo bene, nessun professore, perlomeno nella classe di mio figlio, ha affrontato minimamente l’argomento, anche solo per ‘testare’ un minimo le reazioni emozionali degli adolescenti. Solo mercoledì la prof di religione, in classe con SOLO 8 alunni, (perché gli altri quest’anno han deciso di non seguire la sua ora), ha chiesto loro cosa ne pensassero e, ascoltate le opinioni di tutti, di comune accordo, hanno concluso l’ora asserendo che la responsabilità di questa brutta faccenda, esuli dalle differenze tra le religioni, usate purtroppo solo come una scusa.

E si poteva dire solo nell’ora di religione??????????

Come mamma sono terrorizzata. Non solo per il futuro del mondo ma anche per quello del mio ‘ragazzino’ che non ha gradito assolutamente, come tanti altri, quelle dichiarazioni prepotenti e da buon maschietto ispirato dalla tempesta ormonale in cui vive ogni sedicenne, ha controbattuto con motti e intenti vendicativi e coloriti, che normalmente usa solo quando è allo stadio (perché non ci sono io;-) Il che mi spaventa ancora di più, perché purtroppo la guerra è tutta un’ altra cosa e la nostra benestante società non ne immagina neanche l’orrore.

Annunci